Lifestyle

MOM

dasynka-fashion-blogger-mom-death-mourning-life-philosophy-love-message

My mother is gone.
There were months that she was losing weight, which was fading a bit, and there were weeks that she had pain to back and hip. She was eating plan and little, ’cause she got tired.
We still wonder how we could be blind to all these signals. Only in hindsight it seemed obvious that she was ill.
Two weeks ago we did the first X-rays, and it is supposed rheumatologic a cause for pain. Mum was bedridden, and we started to feel fear. The increased pain, only cortisones and morphine helped her. We tried to stay positive, we were near her, we spent the days in the bedroom with her.
Then, from Monday, things are rapidly precipitated.
She has done a CAT scan and before I see the results, we admitted her to the hospital because she could no longer move.
I was beside her all night: any position caused her pain and also keep the head on the pillow ached. I tried to move, to bend the pillow, to keep fresh her forehead for fever rising.
My father told me of the CAT scan results crying: an unidentified tumor, metastases of all the bones, cranial bleeding, swollen pancreas, bone and thigh with dysfunctions. And especially low platelets. We should have at least 150,000 platelets. She had 38,000.
The question was how it was possible.My mother, vegetarian, healthy eating and doctor husband, supplements, very active, never a fever, strong physically and temperamentally, traveling the globe even alone, if she decided one thing nothing would stop her.
How could all this have happened? How did we not know that evil was inside her for so long?
‘Cause she is strong. She doesn’t complain. She is altruistic: others always come first. And now she was there in that bed, angry with herself because weak. She didn’t want to stay in the hospital, she didn’t want those people to come and greet her, didn’t want my father telling everyone how she was.
Then Tuesday withdrawals showed that things got worse. The platelets. Blessed platelets blood clotting, they decreased wildly and she was bleeding to any touch and didn’t stop. Full of bruises. She had come to 11,000 despite the paps of platelets. The tumor must have hit the marrow and fed on them. She suffered but tried not to complain. I managed to make her eat two biscuits and a bit of tea in one hour. It was the last time she ate. She put everything back.
Wednesday she started sleeping a lot, too deeply. When I arrived at the hospital, she slipped into a light coma because the hematoma to the skull had widened. First blood transfusions, then the oxygen tube in her nose. We managed to transfer her before in Castellammare and than in Caserta.
When, at three o’clock Thursday night, we arrived at the hospital in Caserta with the ambulance, she is awakened for a few minutes and recognized us, smiled, said she didn’t feel pain. And then she came into neurology and we saw her directly in the morning.
Thursday we were beside her most of the day, though often they let us out. For each shorter breath we held our breath fearing the worst. We cleaned the mouth and tongue full of blood, I did drink her with a spoon, I kept her oxygen mask, I gave her more morphine for the pain. She was breathing badly, bleeding heavily at times, she complained, went in and out of the coma, but was still semiconscious. She answers yes and no with her head.
When I thought that she was now in a deep coma, I started crying alone beside her and I called her “My Love”, and she replied with a groan, ’cause she felt what I was saying, she was there with me. It was the best and worst moment of my entire life.

The doctors said that unfortunately they couldn’t do anything, because any action would have caused a fatal blood loss.
On Friday, the situation had deteriorated to the extreme. We entered in the morning in her room and saw that she was suffering heavily under the contractions of tachycardia and blood that almost didn’t allow her to breathe. Coma.
The agony and impotence feelings are indescribable, when you have the suffering of your mother in the eyes.
I, that faint at each blood sample or a deeper cut, have heard from my father that he didn’t believe I could be stronger than him.
My mother came into intensive care. Pharmacological coma, nasal and endotracheal intubation, and at last she had stopped suffering. The machine kept her alive. Looked like she was asleep, despite the tube in her mouth and dried blood, the tubes in the nose and veins, looked like she was sleeping under the oxygen mechanical movement that lifted her chest rhythmically. The situation has been so precipitous as not giving us the time to talk to an oncologist, and in intensive care they could only support the vital parameters. The problem was that I was not doing anything to stop the internal disease. It wasn’t possible. The decreased platelet unabated. They had reached 2,000.
The doctors said there was nothing more to do.
Yet I had never felt so full.
The bad thing was seeing her suffering and could do nothing to alleviate it. That smell of blood at every labored breathing I’ll never forget it, it will remain attached to my skin. Sometimes I seem to smell it again. As the sound of Dad’s phone, which we feared would bring bad news from the hospital, it was ringing nonstop.
These days seem to me part of a dream, or of an infinite time. It doesn’t seem true that only a week has passed, or it seems to me that my life couldn’t have been different from that. Or that six days ago I was speaking with mom. Maybe I never stopped doing it, I feel her so close and present to have the impression that my thoughts are hers and vice versa. Then, though, I miss her to death. And leave her in that room, with those tubes that come in, the cold and bruised body, the noise of those machines, to return home in the evening, seemed me the worst of things.

We returned to the hospital Saturday, Sunday, Monday, Tuesday. To talk to doctors and to be close to mom an half an hour a day. I have a few words to describe those moments, and I’ll keep them for me.

Wednesday 16th, as we were traveling to the hospital, they called us.
The funeral was attended by many people, proof of all the love my mom has donated: I tried to give a smile to every one of them, to console those who cried, embracing me, to convey the love that Mom gave me reading some of these lines after commissioning.
Not even a tear from me.

I would like to teach something to everyone: what I wish to convey to you is my serenity and peace with the world.
I would like to teach you how to love life.

I grew up with the classic setting of the Christian Catholic catechism, and in the words of my orthodox Catholic mother but fascinated by Buddhism. The family of my best friend was rather atheist.
I was at the center of different religious realities, with different explanations to my continuous questions and child’s curious. And I didn’t understand.
I couldn’t understand how anyone could go to heaven after a life, if there was reincarnation.
I didn’t understand how they could judge good a God who allows hunger.
I didn’t understand how it was possible that someone is born rich and some poor.
I didn’t understand the basis of what each religion believe to be right, and didn’t understand how recite from memory some words lined up might help.
I didn’t understand how it was possible that modern man could still tangled in rituals and rules that seemed absurd and illogical as those of the ancients in connection with their gods, maybe just more human being abolished the practice of human sacrifice. And I didn’t understand how the man could believe they were effective having himself been to establish them.
I didn’t understand why we should constantly feel sinners and because God needed that humanity would aim his adoration. Is it possible that He had such a big ego?
And how could God really judge us after death, since even in the thoughts, all of us.
The questions were many, and I wanted answers. I’ve become misanthropic. I hated the man, I hated the world, I hated life. I was 17 years old.
I replied that if I could choose, I would never be born.
What I didn’t know, though, it is this: that we choose it ourselves.
We are the ones that choose everything.
In recent years I have read so much, and studied, and listened, and reflected. I attended church, read the Bible, traveled abroad. And I put in order the world.
I have abandoned all forms of misanthropy. Any form of religious adherence. And I’m here to teach you something, because as Mom always says: the case doesn’t exist.

Each thing, in this life, happens for a reason. Call it fate, call it karma.
And this reason is right.
I, who always wrote as the world was virgin of justice, I have had to think again. It is all right.
With this in mind, I find a just justification for everything, an answer to every question that religions left me hanging.
We live many lives. All toward spiritual elevation -to God. And this is the first form of justice, since each of us will experience both hunger and wealth, happiness and pain. You have to cross all the stages to get to this elevation. But the most important thing is knowing that each of us chooses the life he will have.
Each of us chooses its parents, chooses where, how to be born. We set ourselves obstacles, destinies along our way. But we have free will to decide what to do, what to learn, how to overcome them. We do ourselves the judgment after death about us: who better than us can judge us in complete honesty and awareness of actions and thoughts?
On the basis of past lives, the achieved maturity, we decide the life to live and obstacles to overcome.
The coincidences are not a coincidence. Misfortunes aren’t a case. Accidents, meetings aren’t a case.
The case does not exist.
Exist the free will of our actions and the fate of the events. Exist a positive side to every situation. And an explanation. And a lesson to be learned, even though we can’t always see them.
And we exist with the opportunity to live in love and optimism, and in the idea that we have so many lives and that people who we love we’ll find in the next ones, and that everything should be lived with much greater intensity possible but no attachment to life.
Love. Love moves everything. Love teaches behind many frivolities we lose time, teaches us to take advantage of every second, every occasion, every person. In order to squeeze the life to the bone.
To draw lessons from every difficulty, to live in love everything, to learn to weigh what is important and what is not. To live without regrets.
The universe is love and responds to love, and it is always with us: has the sole purpose of helping us.
When something bad happens to us it is not against us but for us. Every obstacle that is submitted to us, it serves ’cause we have to overcome it. It should teach us something. It is a challenge that we can overcome, and we have to do it, it is the reason why we are here: to grow along this path that we ourselves, before we were born, have established for us. Elevate ourselves spiritually.
We are all here for a reason. We must be conscious. Aware of how each of us is important and could play a critical role in the lives of others. It’s why now I’m talking to you. ‘Cause this situation and some signs have convinced me that my role in this situation is the teaching of what I have learned so far.

The secret is to live without regret. Do not do or say anything which you’ll may repent or so you’ll have to apologize.
I have no regrets with my mother: I’ve done everything I wanted to do with her, I have said and written everything I wanted to say to her. For this reason I am so serene.
I always had the fear of losing my parents, because older than those of others. And I’ve always been afraid of banality and waste of life. So I always have to give a greater sense to my every action, thought, relationship. I have carefully chosen the way to spend my days, people alongside me, the words. And I can say to be satisfied and proud of my life.
I started to get scared for mom for a while time. In a slight and growing way. This has prepared me slowly. But the optimism and the belief that everything follows a right destiny, helped me and still continues to help me. I think of many things of this year and these last few months and I realize how everything went absolutely and completely in the right way, everything had to go in this way. Although my father is filling with guilt, I know everything had to go well. And I know what he had to learn from this situation, since this is a proof that each of us has placed in his way. I know what you have to learn my sister and I, and I am proud to have found that all three have already passed the teaching.

So many times I wondered how I would react to a death in my family, but I didn’t think I could feel so full of love and hope. So in peace with the world. I know that it went as it should go.
When you are in a coma the soul is in a limbo of assessment, to decide whether to return or not. We have left her the freedom to choose, without wanting to influence. Only she could know what was right, even if she had other things to have to learn in this life, or if it were to go towards a new renaissance.
I just want what she feels good now.

I’m immensely and infinitely proud of her. And proud to have chosen her as my mother.
I know we’ll meet again, she has always felt that there was something special between us, in this as in other lives. I thank her for all that she gaves me, every little sacrifice. I have never met a mother like her, who has done everything she has done for me. Which is almost undone for us, which has given more than her life.
She donated so much to others; she has exploited all the possibilities that life gaved her.
She is a very high soul. She has achieved a lot of knowledge and awareness, and all I am, I’ve done and I’ve learned, I owe to her, to the books she bought me, to the things she taught and convey to me, and showed me. All the things I’ve done have always been pushed by her, she’s behind all my actions, and she will be my greatest example, the person I hope to become.
She is so strong. She struggled a lot, all her life, until the end in this suffering.
She’s wonderful. Full of culture and curiosity about the world.
For us, she has created the world, for me has shaped all my values, has opened me to so much knowledge, she believed in me so much. She’s been my backbone, she has grown us in love towards life, towards others, without malice, without envy. If I am as I am is just because of her.
She gave me my life and hers, and I can never repay her for all this, there are no words to thank her, I can only say that I will continue to choose her in all other lives what will come.
She’s the most important person of my life.

Now we are here, to gather the love that Mom has sown in people.
Thank you all for your prayers and for the words that you have dedicated to me. I know that all this energy helped her decide quickly to undertake this new wonderful journey.

All these words, I wish each of you learn that love is an incredible force, and is the only true way to pray: think “I love you” to anything. You can’t imagine what strength is. Think of it towards the people you meet, towards objects, situations. The energies create matter, and love is energy. What unites all religions, prayer, philosophy is precisely the energy that is love and what can do everything.
Love and be positive. Look for a teaching from every situation. From the most mundane to the most dramatic.
Do not torment yourself with ifs and buts, or with guilt. Is all a life lesson. Don’t leave space for hatred: hatred attracts more hatred.
Love the world, life, every second you have available. Don’t waste even a breath.
Happiness is a choice: you have to choose to want to be happy. And be confident that everything happens for us and for the better. And to give us a lesson.
We chose to live, to learn and grow in love. Love.

If you want to send love, share this message.


Mia madre non c’è più.
Erano mesi che stava dimagrendo, che un po’ si stava spegnendo, ed erano settimane che aveva dolori alla schiena e all’anca. Mangiava piano e poco, si stancava.
Noi ancora ci chiediamo come siamo potuti essere ciechi di fronte a tutti questi segnali. Solo col senno di poi ci è sembrato ovvio che stesse male.
Due settimane fa abbiamo fatto delle prime radiografie, e si è supposta una causa reumatologica per i dolori. Mamma si è allettata, e noi abbiamo iniziato a sentire la paura. I dolori aumentavano, solo i cortisoni e la morfina la aiutavano. Noi cercavamo di restare positivi, le stavamo vicino, passavamo le giornate in camera con lei.
Poi, da lunedì, le cose sono velocemente precipitate.
Ha fatto una tac e prima ancora di vederne i risultati, l’abbiamo ricoverata in ospedale poiché non riusciva più a muoversi. Le sono stata accanto tutta la notte: qualsiasi posizione le causava dolore e anche tenere la testa sul cuscino le faceva male. Cercavo di muoverla, di piegarle il cuscino, di tenerle la fronte fresca per la febbre che saliva.
Mio padre mi ha parlato dei risultati della tac piangendo: un tumore non identificato, metastasi su tutte le ossa, emorragia cranica, pancreas ingrossato, midollo e anca con disfunzioni. E soprattutto piastrine basse. Dovremmo averne almeno 150.000. Lei ne aveva 38.000.
La domanda era come fosse stato possibile.
Mia madre, vegetariana, alimentazione sana e marito medico, integratori, attivissima, mai una febbre, forte fisicamente e caratterialmente, viaggiava per il mondo anche da sola, se decideva una cosa nulla la fermava. Come poteva essere successo tutto questo? Come abbiamo fatto a non capire che il male era dentro di lei da così tanto?
Perché è forte. Non si lamenta. È altruista: vengono sempre prima gli altri. E ora era lì in quel letto, arrabbiata con sé stessa perché debole. Non voleva starci in ospedale, non voleva che quelle persone venissero a salutarla, non voleva che mio padre raccontasse a tutti come stesse.
Poi martedì i prelievi dimostravano che le cose peggioravano. Le piastrine. Benedette piastrine che coagulano il sangue, diminuivano vorticosamente e lei sanguinava a qualsiasi tocco e non si arrestava. Piena di lividi. Era arrivata ad 11.000 nonostante avesse fatto pappe di piastrine. Il tumore deve aver colpito il midollo e si nutriva di queste. Soffriva però cercava di non lamentarsi. Sono riuscita a farle mangiare due fette biscottate ed un po’ di thè impiegando un’ora. È stata l’ultima volta che ha mangiato. Rimetteva tutto.
Mercoledì ha iniziato a dormire molto, troppo profondamente. Quando sono arrivata in ospedale, era scivolata in un coma leggero perché l’ematoma al cranio si era allargato. Prima le trasfusioni di sangue, poi il tubo dell’ossigeno nel naso. Siamo riuscite a trasferirla prima a Castellammare e subito dopo a Caserta.
Quando, alle tre di notte di giovedì, siamo arrivati in ospedale a Caserta con l’ambulanza, lei si è risvegliata per qualche minuto e ci ha riconosciuti, ha sorriso, ha detto di non sentire dolori. E poi è entrata in neurologia e l’abbiamo vista direttamente in mattinata.
Giovedì le siamo state accanto quasi tutto il giorno, anche se spesso ci facevano uscire. Per ogni respiro più corto trattenevamo il fiato temendo il peggio. Le pulivamo la bocca e la lingua pieni di sangue, la facevo bere col cucchiaio, le mantenevo la mascherina dell’ossigeno, le ho dato altra morfina per il dolore. Lei respirava male, sanguinava molto a tratti, si lamentava, entrava ed usciva dal coma, ma era ancora semicosciente. Rispondeva si e no con la testa.
Quando credevo che fosse ormai in coma profondo, ho iniziato a piangere da sola accanto a lei e l’ho chiamata “Amore mio”, e lei mi ha risposto con un lamento, perché sentiva quello che le stavo dicendo, era lì con me. È stato il momento migliore e peggiore di tutta la mia vita.

I medici dicevano che purtroppo non si poteva fare nulla, perché qualsiasi intervento avrebbe causato una perdita di sangue fatale.
Venerdì la situazione era degenerata allo stremo. Siamo entrati di mattina nella sua stanza e l’abbiamo vista che soffriva affannosamente sotto le contrazioni della tachicardia e del sangue che quasi non le permetteva di respirare. Coma.
Lo strazio e l’impotenza sono sentimenti indescrivibili, quando si ha negli occhi la sofferenza di tua madre.
Io, che svengo ad ogni prelievo di sangue o per un taglio più profondo, mi sento ripetere da mio padre che non credeva potessi essere più forti di lui.
Mia madre è entrata in rianimazione. Coma farmacologico, intubata per via nasale e endotracheale, e finalmente aveva smesso di soffrire. La macchina la teneva in vita. Sembrava dormisse, nonostante il tubo in bocca e il sangue incrostato, i tubi nel naso e nelle vene, sembrava che dormisse sotto il movimento meccanico dell’ossigeno che le alzava il petto ritmicamente. La situazione è stata così precipitosa da non averci dato il tempo di parlare con un oncologo, e in rianimazione non potevano far altro che sostenere i parametri vitali. Il problema era che non si stava facendo nulla per arrestare la malattia interna. Non si poteva. Le piastrine diminuivano senza sosta. Erano arrivate a 2.000.
I medici dicevano che non c’era più nulla da fare.
Eppure io non mi ero mai sentita così piena.
Il brutto è stato vedere la sua sofferenza e non poter fare nulla per alleviarla. Quell’odore di sangue ad ogni suo respiro affannoso non lo dimenticherò mai, mi resterà attaccato alla pelle. Ogni tanto mi sembra di sentirlo ancora. Come il suono del telefono di papà, che temevamo potesse portare cattive notizie dall’ospedale, squillava senza sosta.
Questi giorni mi sembrano parte di un sogno, o di un tempo infinito. Non mi sembra vero che sia passata solo una settimana, né mi sembra che la mia vita possa essere stata diversa da questo. O che sei giorni fa parlavo ancora con mamma. Forse non ho mai smesso di farlo, la sento così vicina e presente da avere l’impressione che i miei pensieri siano i suoi e viceversa. Poi, però, mi manca da morire. E lasciarla in quella stanza, con quei tubi che le entrano dentro, il corpo freddo e livido, il rumore di quei macchinari, per tornare a casa di sera, mi sembrava la peggiore delle cose.

Siamo tornati in ospedale sabato, domenica, lunedì, martedì. Per parlare con i medici e poter stare accanto a mamma mezz’ora al giorno. Ho poche parole per poter descrivere quei momenti, e le terrò per me.

Mercoledì 16, mentre eravamo in viaggio per raggiungere l’ospedale, ci hanno chiamati.
Al funerale erano presenti tantissime persone, prova di tutto l’amore che mamma ha donato: ho cercato di regalare un sorriso ad ognuno di loro, di consolare chi ha pianto abbracciandomi, di trasmettere l’amore che mamma mi ha trasmesso leggendo alcune di queste righe dopo la messa. Neanche una lacrima da parte mia.

Vorrei insegnare qualcosa a tutti quanti: quello che mi preme trasmettervi è la mia serenità e pace col mondo.
Vorrei insegnarvi ad amare la vita.

Io sono cresciuta con la classica impostazione cattolica cristiana da catechismo, e con le parole di mia madre cattolica ortodossa ma affascinata dal buddismo. La famiglia della mia migliore amica era invece atea.
Sono stata posta al centro di realtà religiose differenti, con differenti spiegazioni alle mie continue e curiose domande di bambina. E non capivo.
Non capivo come si potesse andare in paradiso dopo una vita, se esistesse la reincarnazione.
Non capivo come si potesse giudicare buono un Dio che permette la fame.
Non capivo come fosse possibile che qualcuno nasce ricco e qualcuno povero.
Non capivo sulla base di cosa ogni religione credesse di avere ragione, ne capivo come potesse aiutare recitare a memoria delle parole messe in fila.
Non capivo come fosse possibile che l’uomo moderno potesse ancora ingarbugliarsi in rituali e regole che mi sembravano assurde e illogiche quanto quelle degli antichi in relazione alle loro divinità, forse solo più umane essendo stata abolita la pratica del sacrificio umano. Ne comprendevo come l’uomo potesse credere che fossero efficaci essendo stato lui stesso ad istituirle.
Non capivo perché dovessimo sentirci continuamente dei peccatori e perché Dio avesse bisogno che l’umanità avesse come scopo la sua adorazione. Possibile che avesse un ego così grande?
E come potesse Dio veramente giudicarci, dopo la morte, fin anche nei pensieri, tutti quanti.
Le domande erano tante, e io volevo delle risposte. Sono diventata misantropica. Odiavo l’uomo, odiavo il mondo, odiavo la vita. Avevo 17 anni.
Rispondevo che se avessi potuto scegliere, non sarei mai nata.
Quello che non sapevo, però, è proprio questo: che lo scegliamo noi.
Siamo noi a scegliere tutto quanto.
In questi ultimi anni ho letto tanto, e studiato, e ascoltato, e riflettuto. Ho frequentato la chiesa, letto la Bibbia, viaggiato all’estero. E ho messo in ordine il mondo.
Ho abbandonato qualsiasi forma di misantropia. Qualsiasi forma di aderenza religiosa. E sono qui ad insegnarvi qualcosa, perché, come dice sempre mamma: il caso non esiste.

Ogni cosa, in questa vita, avviene per un motivo. Chiamatelo destino, chiamatelo karma.
E questo motivo è un motivo giusto.
Io, che scrivevo sempre quanto il mondo fosse vergine della giustizia, mi sono dovuta ricredere. È tutto giusto.
In quest’ottica, trovo una giustificazione giusta ad ogni cosa, una risposta ad ogni domanda che le religioni mi lasciavano in sospeso.
Viviamo tante vite. Tutte verso un’elevazione spirituale -verso Dio. E questa è la prima forma di giustizia, poiché ognuno di noi sperimenterà sia la fame che la ricchezza, la felicità e il dolore. Bisogna attraversare tutti gli stadi per arrivare a questa elevazione. Ma la cosa più importante è sapere che ognuno di noi sceglie la vita che avrà.
Ognuno di noi sceglie i propri genitori, sceglie dove, come, in che modo nascere. Ci poniamo degli ostacoli, dei destini lungo il nostro cammino. Ma abbiamo il libero arbitrio nella decisione su come reagire, cosa impararne, come superarli. Il giudizio dopo la morte siamo noi stessi a farlo su di noi: chi meglio di noi può giudicarci nella piena onestà e consapevolezza di azioni e pensieri?
Sulla base delle vite passate, della maturità conseguita, decidiamo la vita da vivere e gli ostacoli da superare.
Le coincidenze non sono un caso. Le disgrazie non sono un caso. Gli incidenti, gli incontri non sono un caso.
Il caso non esiste.
Esiste il libero arbitrio delle nostre azioni e il destino degli avvenimenti. Esiste un lato positivo per ogni situazione. E una spiegazione. E una lezione da apprendere, anche se non sempre riusciamo a vederle.
Ed esistiamo noi che abbiamo la possibilità di vivere nell’amore e nell’ottimismo, e nell’ottica che di vite ne abbiamo tante e che le persone che amiamo le potremo ritrovare in altre e che tutto va vissuto con quanta maggiore intensità possibile ma senza attaccamento alla vita.
L’amore. L’amore muove tutto. L’amore insegna dietro quante frivolezze perdiamo tempo, insegna a sfruttare ogni secondo, ogni occasione, ogni persona. In modo da spremere la vita fino all’osso. Per trarre insegnamenti da ogni difficoltà, per vivere in amore ogni cosa, per imparare a pesare quanto sia importante e quanto no. Per vivere senza rimpianti.
L’universo è amore e risponde all’amore, ed è sempre con noi: ha come unico scopo l’aiutarci. Quando ci succede qualcosa di negativo non è contro di noi ma per noi. Ogni ostacolo che ci viene sottoposto, serve affinché lo superiamo. Deve insegnarci qualcosa. È una sfida che siamo in grado di oltrepassare, e dobbiamo farlo, è il motivo per cui siamo qui: per crescere lungo questo percorso che noi stessi, prima di nascere, abbiamo stabilito per noi. Elevarci spiritualmente.
Siamo tutti qui per un motivo. Dobbiamo esserne coscienti. Coscienti di quanto ognuno di noi sia importante e possa avere un ruolo fondamentale nella vita degli altri. Per questo adesso vi sto parlando.
Perché questa situazione, e alcuni segni, mi hanno convinta che il mio ruolo in questa situazione sia l’insegnamento di quanto ho imparato fino ad ora.

Il segreto è vivere senza rimpianti. Non fate o dite mai nulla di cui possiate pentirvi o per cui dovrete chiedere scusa.
Non ho nessun rimpianto con mia madre: ho fatto tutto quello che avrei voluto fare con lei, le ho detto e scritto tutto quello che avrei voluto dirle. Per questo sono così serena.
Ho sempre avuto la paura di poter perdere i miei genitori, perché più anziani rispetto a quelli degli altri. E ho sempre avuto paura della banalità e dello spreco di vita. Così ho sempre fatto in modo da dare un senso maggiore ad ogni mia azione, pensiero, relazione. Ho scelto con cura il modo in cui spendere ogni mio giorno, le persone da affiancare a me, le parole. E posso dire di essere soddisfatta e orgogliosa della mia vita.
Ho iniziato ad avere paura per mamma già da un po’ di tempo. In maniera lieve e crescente. Questo mi ha preparata piano piano. Ma l’ottimismo e la convinzione che tutto segue un destino giusto mi ha aiutata e continua tutt’ora ad aiutarmi. Ripenso a tante cose di quest’anno e di questi ultimi mesi e mi rendo conto di quanto tutto sia andato assolutamente e completamente per il verso giusto, tutto doveva andare così. Anche se mio padre si sta riempendo di sensi di colpa, so che era giusto così. E so cosa lui doveva imparare da questa situazione, poiché questa è una prova che ognuno di noi si è posto sulla sua strada. So cosa ne dobbiamo imparare io e mia sorella, e sono orgogliosa di aver constatato che tutti e tre abbiamo già superato l’insegnamento.

Tante volte mi sono chiesta come avrei reagito ad un lutto in famiglia, ma non credevo che avrei potuto sentirmi così piena di amore e di speranza. Così in pace col mondo. So che è andata come doveva andare.
Quando si è in coma l’anima si trova in un limbo di valutazione, per decidere se tornare oppure no. Noi le abbiamo lasciato la libertà di scegliere, senza volerla condizionare. Solo lei poteva sapere cosa fosse giusto, se avesse ancora altre cose da dover imparare in questa vita oppure se dovesse dirigersi verso una nuova rinascita.
Io voglio solo che lei stia bene adesso.

Sono immensamente ed infinitamente orgogliosa di lei. E fiera di averla scelta come madre.
So che ci incontreremo ancora, anche lei ha sempre sentito che ci fosse qualcosa di particolare tra noi, in questa come in altre vite. La ringrazio per tutto quello che mi ha dato, ogni più piccolo sacrificio. Non ho mai incontrato una madre come lei, che abbia fatto tutto quello che lei ha fatto per me. Che si sia quasi annullata per noi, che abbia dato più della sua vita.
Ha donato tanto agli altri; ha sfruttato tutte le possibilità che le ha dato la vita.
È un’anima molto alta. Ha raggiunto molte conoscenze e consapevolezze, e tutto quello che sono, che ho fatto e che ho imparato, lo devo a lei, ai libri che mi ha comprato, le cose che mi ha insegnato e trasmesso, che mi ha fatto vedere. Tutte le cose che ho fatto sono sempre state spinte da lei, è dietro ogni mia azione, è e sarà il mio esempio più grande, la persona che spero di diventare.
È cosi forte. Ha lottato tantissimo, tutta la vita, fino alla fine in questa sofferenza.
È meravigliosa. Piena di cultura e di curiosità per il mondo.
Per noi ha creato il mondo, per me ha forgiato tutti i miei valori, mi ha aperto a tante conoscenze, ha creduto tanto in me. È stata la mia colonna vertebrale, ci ha cresciute nell’amore verso la vita, verso gli altri, senza cattiveria, senza invidia. Se sono come sono è solo grazie a lei.
Mi ha donato la mia vita e la sua e non potrò mai ripagarla di tutto questo, non esistono parole per ringraziarla, posso solo dire che io continuerò a sceglierla in tutte le altre vite che verranno.
È la persona più importante della mia vita.

Adesso siamo qui, a raccogliere l’amore che mamma ha seminato nelle persone.
Ringrazio tutti per le vostre preghiere e per le parole che mi avete dedicato. So che tutta questa energia l’ha aiutata a decidere quanto prima di intraprendere questo nuovo viaggio meraviglioso.

Di tutte queste parole, vorrei che ognuno di voi imparasse che l’amore è una forza incredibile, ed è l’unico vero modo di pregare: pensare “ti amo” verso qualsiasi cosa. Non potete immaginare che forza sia. Pensatelo verso le persone che incontrate, verso gli oggetti, le situazioni. Le energie creano la materia, e l’amore è energia. Quello che accomuna ogni religione, preghiera, filosofia è proprio l’energia che è amore e che può tutto.
Amate ed siate positivi. Cercate un insegnamento da ogni situazione. Dalle più banali alle più drammatiche.
Non tormentatevi con i se e i ma, né con i sensi di colpa. Sia tutto una lezione di vita. Non lasciate spazio all’odio: l’odio attira altro odio.
Amate il mondo, la vita, ogni secondo che avete a disposizione. Neanche un respiro venga sprecato.
La felicità è una scelta: bisogna scegliere di voler essere felici. Ed essere fiduciosi che tutto accade per noi e per il meglio. E per darci un insegnamento.
Abbiamo scelto di vivere, per imparare e crescere nell’amore. Amate.

Se volete trasmettere del bene, condividete questo mio messaggio.

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply
    Zenified_drop
    20 December 2016 at 1:34

    Sorry i just read this . How you have handled yourself and how you pursue life is amazing . I cannot imagine the feeling but definitely your mom would be a proud mom. Even if it’s not true, the souls leaves the body on death and hopefully looks at you. Hers won’t be restless . Stay good and stay the way you are .

    • Reply
      dasynka
      20 December 2016 at 7:37

      Thank you so so much. I really approcite it ❤️ xx

    Leave a Reply