Lifestyle

I DON’T KNOW ‘BUT YOU, BUT I’M FEELING 22!

dasynka fashion blogger birthday 22

Twenty-two years. Twice two. Two and two. Two two. A number that is repeated twice, a double that you can be sure of it, you’re really in the twenty, ahead by two, twenty and two, two past decades from two years, the twenty years, that has shaped and formed you, the one that taught you the character and has adjusted you with the experience.
And you’re in it. You can be sure. Inside from two years. Two years from the twenty.
You understand me.
Have you understood?
I still don’t believe it. But I feel it.
I’m feeling 22.

I turned 22 this year.
Birthdays are sacred. Birthdays are joy diluted in the air and every breath is a breath of happiness.
‘Cause here we are again, a year of life, any life was but a year old. An added number, 365 days of added fresh memories.
Then happiness should be this: collecting memories. They should teach us, they should tell us that happiness is live with joy the present to infinity, having an endless list of memories of joyful present and that more you have it than more you are in luck because it means having lived so much happiness. And to do that you have to take care of the present moment as a son, an unique and new child, one every minute. It is he who will adds itself to others to create our happiness and will be the one for which we will be happy, that is, to be happy because we were happy. Especially for birthdays, reckoning and counting of joys.
It is a cycle. Happiness that generates happiness.
Birthdays are this. I feel all of them, one more happy than another, and they fill me with so much emotions and for days I wake of this irrepressible and childish joy.

My birthday was midweek this year, so I was in the house where I live alone, ’cause I worked.
At the stroke of midnight of my 22 year, I was in a pub with my sister blowing a candle on a Snickers cake (currently my favorite dessert), talking all night and “make fun of our exes, uh uh, uh uh”!
The next morning she woke me up early with another candle (those that don’t turn off until they finish) on a Kinder Pinguì with Milka chocolate and Oreo (my drug) and a new big mug with tea (love cups and tea). And home was full of balloons and the song 22 of Taylor Swift in the air.
I have some little traditions for birthdays.
The first rule is to be happy and celebrate.
The second is prepare myself my birthday cake.
Usually it takes hours, kneading and watching films. But this year, not having much time, I decided for a quick cake that I wanted to do for a long time. So I prepared it before rushing to work.
In the evening, back home, another tradition. Treasure hunt, a guessing path and cards and music on a specific theme related to the gift.
And I ended the day celebrating with friends who I love more, that came here for me, with a bouquet of flowers in their hands and smile in their eyes.
What better gift?
I think it’s also this the happiness: the awareness of love’s presence in our lives. xx


Ventidue anni. Due volte due. Due e due. Due due. Un numero che si ripete due volte, un doppio che non ti sbagli sicuro, che sei proprio nei venti, avanti di due, venti e due, un ventennio passato da due anni, il ventennio, quello che ti ha forgiato e plasmato, quello che ti ha insegnato il carattere e ti ha aggiustato con le esperienze. E ci sei dentro. Puoi starne certo. Dentro da due anni. Due anni dai venti.
Mi avete capito.
Avete capito?
Io ancora non ci credo. Ma lo sento.
I’m feeling 22.

Ho compiuto 22 anni quest’anno.
I compleanni sono sacri. I compleanni sono gioia diluita nell’aria e ogni respiro è una boccata di felicità. Perché siamo qui, ancora, di nuovo, un anno di vita, qualsiasi vita sia stata, ma un anno di vita. Un numero da aggiungere, 365 giorni di ricordi freschi addizionati.
Allora la felicità dovrebbe essere questa: collezionare ricordi. Dovrebbero insegnarcelo, dovrebbero dirci che felicità significa vivere di gioia il presente all’infinito, avendo una lista interminabile di ricordi di presenti gioiosi e che più se ne ha più si è fortunati perché significa aver vissuto tanta felicità. E per farlo bisogna curare l’attimo presente come un figlio, un figlio unico e nuovo, uno ogni minuto. È lui che andrà ad aggiungersi agli altri e creerà la nostra felicità e sarà di quella per cui saremo felici, cioè essere felici perché siamo stati felici. Soprattutto ai compleanni, si tirano le somme e si contano le gioie.
È un ciclo. Felicità che genera felicità.
I compleanni sono questo. Me li sento addosso tutti, uno più felice di un altro, e mi riempiono così tanto di emozioni che mi restano e per giorni ho questa scia di incontenibile e puerile gioia.

Essendo stato infrasettimanale il mio compleanno, quest’anno, sono rimasta nella casa in cui vivo sola, poiché lavoravo.
Alla mezzanotte dello scoccare dei miei 22 anni ero in un pub con mia sorella a spegnere una candelina su una torta gusto Snickers (al momento il mio dolce preferito), chiacchierando fino a notte e “make fun of our exes, uh uh, uh uh”!
La mattina dopo mi ha svegliata presto con un’altra candelina (quelle che non si spengono finché non si consumano) su un Kinder Pinguì, con cioccolata Milka e Oreo (la mia droga) e un tazzone nuovo enorme con tè (amo le tazze e il tè). E la casa piena di palloncini e la canzone 22 di Taylor Swift nell’aria.
Ho alcune piccole tradizioni per i compleanni.
La prima regola è essere felici e festeggiare.
La seconda è prepararmi da sola la mia torta di compleanno.
Di solito impiego ore, impastando e guardando film. Quest’anno però, non avendo molto tempo a disposizione, mi sono decisa per una torta veloce che volevo fare da tempo. Così l’ho preparata prima di correre a lavoro.
Di sera, tornata a casa, un’altra tradizione. Caccia al tesoro, un percorso di indovinelli e bigliettini e musiche su un tema specifico collegato al regalo.
E ho finito la giornata festeggiando con gli amici che ho più a cuore, venuti fin qui per me, con un mazzo di fiori in mano e il sorriso negli occhi.
Quale regalo migliore?
Credo sia questa la felicità: la consapevolezza della presenza dell’amore nella nostra vita. xx

You Might Also Like

7 Comments

  • Reply
    Smiley
    9 May 2017 at 14:49

    I like to party, not look aritcles up online. You made it happen.

  • Reply
    meja kantor
    7 August 2016 at 13:51

    Howdy I am so delighted I found your webpage, I really found you by mistake,
    while I was researching on Yahoo for something
    else, Anyhow I am here now and would just like to say thanks for a fantastic post and a all
    round enjoyable blog (I also love the theme/design), I don’t have time to read
    it all at the moment but I have book-marked it and also added your RSS feeds,
    so when I have time I will be back to read more,
    Please do keep up the excellent work.

    • Reply
      dasynka
      13 August 2016 at 12:14

      I am so glad to read what you have written and know that you value my blog! Thank you so so much! xx

  • Reply
    Sara Pone
    1 August 2016 at 15:09

    Mi piace un sacco la gioia che si percepisce da questo articolo. E devo dire che in qualche modo mi è stato anche utile, per guardare le cose da un altro punto di vista. Perché io, al contrario, odio i compleanni. Li odio perché stanno lì a ricordarmi che il tempo passa e che un altro anno della mia vita è passato. Che strano come due cose possano essere viste in modi completamente opposti! Sarà perché mi sento irrealizzata, e sento di non aver collezionato alcun ricordo… spero che non sarà così il prossimo (ho appena compiuto 21 anni il 14 luglio) e che possa finalmente viverlo in felicità – la stessa dei compleanni da bambina – soddisfatta di come sia trascorso l’anno.
    Comunque, a parte questo, ti ammiro molto, sei davvero una persona rara. E meriti i tuoi successi 🙂

    • Reply
      dasynka
      1 August 2016 at 20:50

      Sara! Io non riesco a crederti quando scrivi che ti senti irrealizzata e soprattutto che non hai collezionato nessun ricordo. Le realizzazioni non si misurano in attestati o riconoscimenti ufficiali, sono realizzazioni tutte tue, se puoi sono accompagnate anche da un diploma o una laurea tanto meglio, ma sono cose che devono essere in primis tue: essere fiera di te stessa, di un traguardo raggiunto o di un miglioramento. E quante volte queste cose possiamo riconoscerle solo noi stessi perchè siamo noi che conosciamo i nostri limiti e sappiamo quando abbiamo spinto abbastanza da superarli. Qui si parla di essere orgogliosi di come si è migliorato il proprio carattere, di quante scommesse con se stessi si è vinto, di quante volte non si è mollata la presa! Ed io sono ricurissima che di realizzazioni ne hai tante. Già il solo essere come sei dovrebbe darti una grande senso di realizzazione, perchè sei una persona sensibile, intelligente, colta e umile. O almeno questo è ció che ho percepito io in questo tempo… E poi a 21 anni hai ancora tanta vita per arrivare alle realizzazioni grandi che sogni:)
      Per i ricordi.. Vuoi forse farmi credere che non hai felicità archiviate nel cuore e nella mente?
      Ad ogni modo, se senti di non collezionare abbastanza ricordi, creane. Sei tu a decidere come deve trascorrere ogni tua sigola giornata, e quanto si puó fare archiviare vivere in un solo giorno! Io l’ho capito solo viaggiando di quanta vita è possibile in un solo giorno e di quanta io non ne viva in certi giorni morti… Quindi hai tutte le carte in regola per riempire quest’anno di ricordi felici e realizzazioni personali.
      Per quanto ricorda la coesistenza di due sensazioni completamente opposte, ti rispondo che qualunque sia il tema, io cercheró sempre di guardare al positivo, al lato della medaglia che gioca con i vantaggi, perchè ogni cosa ne ha. La positività ha il potere di modificare completamente la vita, ed in più permette di essere felici per metà del tempo (collezionare ricordi diventa davvero semplice…).
      Ti ringrazio per le tue parole, mi toccano il cuore <3
      Ps. augurissimi 🙂

      • Reply
        Sara Pone
        9 August 2016 at 11:26

        Grazie mille per queste parole! 🙂 Più che altro mi sento insoddisfatta perché non ho fatto quello che avrei voluto, ma ora sto imparando a guardare al mondo con più positività e iniziare a concretizzare i miei sogni 🙂 Grazie per gli auguri, naturalmente sono ricambiati 😀

        P.S. Leggevo la tua pagina di Privacy Policy, e volevo sapere se l’avessi creata con qualche strumento online (gratis o a pagamento?) o presa da “qualche parte”. 🙂 Ho trovato il servizio iubenda che è molto consigliato ed utilizzato, però speravo di cavarmela gratis o con un costo minore (anche se quello di iubenda è accettabile). Se non ti va di rispondere pubblicamente puoi scrivermi anche per e-mail o semplicemente per direct di instagram 🙂

        • Reply
          dasynka
          9 August 2016 at 21:34

          Sono contenta di leggere questa carica di ottimismo 🙂 ti aggiorno in direct sul resto 😉

    Leave a Reply